Carlo Emilio Gadda, Gadda (recensioni), lingua italiana, Romanzi

Carlo Emilio Gadda, l’interprete dell’assurdità del mondo (di Vittorio Panicara).

I suoi messaggi fanno a pezzi ogni codice; spiritate e irritate, le sue invenzioni verbali dileggiano significati e significanti; devastano ogni funzione o finalità comunicativa; rappresentano innanzitutto se stesse, e i propri fantasmi, in un foisonnement inaudito e implacabile di spettacolari idioletti (Alberto Arbasino, Genius Loci) /  Cercò per tutta la vita di rappresentare il… Continua a leggere Carlo Emilio Gadda, l’interprete dell’assurdità del mondo (di Vittorio Panicara).

Pubblicità
lettura, Pazzi (recensioni), Recensioni, Roberto Pazzi

L’affascinante epifania dell’irreale in «La stanza sull’acqua» di Roberto Pazzi 

di Gerardo Passannante Roberto Pazzi non ha bisogno di presentazioni. Affermatosi fin dal suo esordio narrativo nel 1985, con Cercando l’imperatore, e ora tradotto in 26 lingue, autore di romanzi storici, col tempo non ha mancato di avvicinarsi anche a problemi di attualità e spesso scottanti, servendosi di una lingua rigorosa che non penalizza però… Continua a leggere L’affascinante epifania dell’irreale in «La stanza sull’acqua» di Roberto Pazzi 

bontà (citazioni), citazioni, Dostoevskij (citazioni), Fëdor Dostoevskij

Citazione del giorno – 2 novembre 2022

È un compito smisurato; nel mondo è esistita una sola persona positivamente buona, Cristo, sicché l’apparizione di quest’uomo [il principe Lev Nikolaevič Myškin] smisuratamente, sconfinatamente buono è uno sconfinato miracolo. Fëdor Mihajlovič Dostoevskij, L'idiota, Biblioteca economica Newton, 1995.

Cardarelli (poesie), citazioni, Vincenzo Cardarelli, vita (citazioni)

Poesia del giorno – 31 ottobre 2022

Non so dove i gabbiani abbiano il nido, ove trovino pace. Io son come loro in perpetuo volo. La vita la sfioro com'essi l'acqua ad acciuffare il cibo. E come forse anch'essi amo la quiete, la gran quiete marina, ma il mio destino è vivere balenando in burrasca. Vincenzo Cardarelli, Poesie, Milano, Mondadori 1942.

citazioni, Monti (poesie), natura (citazioni), Vincenzo Monti

Poesia del giorno – 24 ottobre 2022

Alta è la notte, ed in profonda calmadorme il mondo sepolto,…Io balzo fuori dalle piume, e guardo;e traverso alle nubi, che del ventosquarcia e sospinge l’iracondo soffio,veggo del ciel per gl’interrotti campiqua e là deserte scintillar le stelle.Oh vaghe stelle!… Vincenzo Monti, Pensieri d’amore, VIII.

Boccaccio (citazioni), citazioni, Dante Alighieri, Giovanni Boccaccio

Citazione del giorno – 10 ottobre 2022

Questi fu quel Dante, del quale è il presente sermone; questi fu quel Dante che a' nostri seculi fu conceduto di speziale grazia da Dio; questi fu quel Dante, il qual primo doveva al ritorno delle Muse, sbandite d'Italia, aprir la via. Per costui la chiarezza del fiorentino idioma è dimostrata; per costui ogni bellezza… Continua a leggere Citazione del giorno – 10 ottobre 2022

Pillole di narrativa, Plath (pillola di narrativa), Sylvia Plath

Pillola narrativa: i “Diari” di Sylvia Plath.

Nei Diari Sylvia Plath non scriveva per il pubblico ma per se stessa. Questa osservazione che potrebbe essere scontata, in realtà ci fa cogliere l’autenticità del suo mondo interiore, dove passioni, delusioni, dolori e piccole e rare gioie rappresentano i fili di un’unica matassa. Si tratta di una lettura densa, morbosa, a tratti struggente, fatta… Continua a leggere Pillola narrativa: i “Diari” di Sylvia Plath.

Scrivere (citazioni), Virginia Woolf, Woolf (citazioni)

Citazione del giorno ~ 4 ottobre 2022

Allo stesso tempo, quindi, il bel mondo è tutto e niente. Il bel mondo è l'intruglio più potente che ci sia e il bel mondo non esiste affatto. Solo i poeti e i romanzieri possono avere a che fare con tali mostri; le loro opere sono infarcite di tali tutto-e-niente; e a essi con grande… Continua a leggere Citazione del giorno ~ 4 ottobre 2022

Brönte (recensioni), Caffè Letterario, Charlotte Brönte, Recensioni

A VILLETTE, DA CHARLOTTE BRONTË (ventesimo incontro del Caffè Letterario del 16 settembre 2022: relazione di Vittorio Panicara).

Pubblicato nel 1853, due anni prima della sua morte, l’ultimo romanzo di Charlotte Brontë, «Villette», ci racconta le vicende di Lucy Snowe, una moderna antieroina capace di affrontare le durezze della vita attraverso un processo di maturazione lento quanto sicuro. Riuscirà a superare molte prove, come quella di ambientarsi in un'immaginaria città cosmopolita del regno… Continua a leggere A VILLETTE, DA CHARLOTTE BRONTË (ventesimo incontro del Caffè Letterario del 16 settembre 2022: relazione di Vittorio Panicara).

Grazia Deledda

Grazia Deledda: nasceva oggi il premio Nobel di origini sarde

Il 28 settembre 1871 nasceva a Nuoro Grazia Deledda, unica donna italiana a vincere il premio Nobel per la letteratura (nel 1926, dieci anni prima della sua morte, avvenuta a Roma il 15 agosto 1936). Di lei si ricordano in particolare i romanzi Elias Portolu (1900), Canne al Vento (1913), La madre (1920). In lei,… Continua a leggere Grazia Deledda: nasceva oggi il premio Nobel di origini sarde