Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, Scrivere (citazioni)

Citazione del giorno – 7 settembre 2021

E veniva da tutto questo subbuglio della memoria, quella sacra e quella profana, un gran disgusto della scrittura e delle parole. Chi amavano le parole? A chi erano fedeli? Sapevano mai cosa voleva dire amare, quelle puttane? Le parole facevano alla perfezione del sesso, ma badavano bene a non innamorarsi mai, a non rimanere fedeli… Continua a leggere Citazione del giorno – 7 settembre 2021

Pubblicità
citazioni, Napoleone Bonaparte, Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, viaggio (citazioni), vita (citazioni)

Citazione del giorno – 30 giugno 2021

Il mondo, che è così vasto, così vario, così imprescindibile, si restringe a puro desiderio, a dolce ferita dell'assenza, in una nave addormentata, che dimentica la rotta, quasi alla deriva, fuori della Storia. E non solo tu, sognando, dimentichi l'isola che ti aspetta, Napoleone. Roberto Pazzi, Verso Sant'Elena, Bompiani 2019 (explicit).

crudeltà (citazioni), lettura, Pazzi (citazioni), potere (citazioni), Vaticano (citazioni)

Citazione del giorno – 11 settembre 2019

Il potere, ogni potere, è crudele ed esige il rispetto delle sue raffinate cattiverie. Roberto Pazzi, L'erede, Bompiani 2013.

felicità (citazioni), lettura, Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi

Citazione del giorno ~ 6 agosto 2019

Non si sa mai dove la vita vada, ignorarlo è la chiave della felicità. Un'incertezza che riposa perché somiglia alla libertà, come quella che stai attraversando tu adesso, che ti sottrai, che non sei più su questa nave inglese, che ignori quale giorno e ora siano. Roberto Pazzi, Verso Sant'Elena

eroismo (citazioni), lettura, Pazzi (citazioni), religione (citazioni), Roberto Pazzi, suicidio (citazioni)

Citazione del giorno ~ 2 agosto 2019

G li antichi erano più coraggiosi . Non siamo personaggi di Plutarco, un Annibale che avvelenandosi diceva: "Come sono cambiati i Romani, non hanno più neanche la pazienza di aspettare la morte di un vecchio, e allora liberiamoli da questo lungo affanno." Ma non siamo neanche Seneca e Petronio, che pensavano di guarire dalla malattia… Continua a leggere Citazione del giorno ~ 2 agosto 2019

lettura, Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, romanzo storico, vecchiaia (citazioni)

Citazione del giorno ~ 30 luglio 2019

Non è dato a tutti il lusso di decidere come e quando uscire di scena. I più lo subiscono implorando ancora un barlume di vita. Di solito ci si arriva, vecchi e consumati, perduta ogni ombra di bellezza, ciechi o sordi, paralizzati, incontinenti, puzzolenti, tremanti o in preda a demenza senile. E in balia di… Continua a leggere Citazione del giorno ~ 30 luglio 2019

lettura, Nulla (citazioni), Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, tempo (citazioni), vita (citazioni)

La poesia del giorno – 22 maggio 2019

Il mio niente   Oggi verrei a casa tua, farei questo lungo viaggio solo per infilare questi versi nella fessura sotto la porta, non potrei rompere il divieto di rivederci. Niente, vorrei dirti, solo questo niente. Fu detto già tutto. Da quando ci siamo separati sopravviviamo, siamo la rovina di quel tempo. Ma questo mio… Continua a leggere La poesia del giorno – 22 maggio 2019

lettura, Morte (citazioni), Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, tempo (citazioni), vita (citazioni)

La poesia del giorno – 15 maggio 2019

Il treno ritarda   Il treno delle quindici e cinquantasei partirà in ritardo, di venti minuti, qualcuno stasera in una stazione sotto i colli Euganei, bestemmierà l’attesa, qualcuno invece grazie al ritardo, prima del Po, riuscirà a prenderlo, quel treno, e salirà trafelato e contento.   Per molti amati prima dei trent’anni sono già defunto,… Continua a leggere La poesia del giorno – 15 maggio 2019

Frasi del giorno, nemico (citazioni), Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi

La frase del giorno – 2.1.2018

Ma che fortuna avere un vero nemico contro cui puntare l'arma, senza alcuna pietà. Chiaro, lampante, senza equivoci possibili, da sembrare persino troppo facile, quasi scontato, odiarlo! Così oscillo fra aspirazioni di felicità famigliari e fame di azioni eroiche, che mi proiettino lontano dalla quiete serenità dei semplici. Roberto Pazzi (Lazzaro)