Rassegna

Erode è di moda, la strage di Uvalde, la prossima diretta proustiana e altre novità libresche di questa settimana

Una settimana di letture #35
Vittorio Panicara & Federica Breimaier

Come se la guerra in Ucraina non bastasse, con le sue stragi di civili, bambini inclusi, ecco che dagli Stati Uniti ci ha raggiunto la terribile notizia di Uvalde (Texas), dove un giovane squilibrato ha aperto il fuoco in una scuola elementare, uccidendo 19 scolari e due maestre. L’assassino, un liceale diciottenne, è stato poi ucciso dalla polizia. Il governatore del Texas, Greg Abbott, repubblicano trumpiano, famoso anti-abortista, è ora sotto accusa per la sua legge sulle armi di un anno fa, allora salutata come il “trionfo della libertà”, una legge che autorizzava i texani a girare liberamente armati senza bisogno di licenza o di una formazione (Queste le alcune delle maggiori stragi degli Stati Uniti).
Joe Biden ha reagito subito: «Sono stanco, dobbiamo agire […] l’idea che un 18enne possa entrare in un negozio e acquistare un fucile è sbagliata». Come non essere d’accordo? Tuttavia, è lecito dubitare che lui riesca laddove non sono riusciti gli altri presidenti, con la potentissima lobby delle armi che continua a influenzare fortemente il potere legislativo, fino a bloccarlo. Del resto, i difensori dell’uso indiscriminato delle armi fanno appello al tristemente noto secondo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, del 1791: «Essendo necessaria alla sicurezza di uno Stato libero una ben organizzata milizia, il diritto dei cittadini di detenere e portare armi non potrà essere infranto» (questa è una delle formulazioni riconosciute come valide). Si tratta di una norma da rivedere, non fosse altro che per l’anacronistico riferimento alle “milizie”, ma ciò non è facile, soprattutto con una Corte Suprema che la difende a spada tratta (si veda la sentenza del 2008). E potrebbe entrare in gioco anche l’abitudine alle armi, intese come mezzo fondamentale di difesa personale, componente non irrilevante della mentalità yankee.
Dunque, dobbiamo abituarci alla tragica serie di eccidi causati negli Stati Uniti dal libero possesso (e commercio) delle armi? Probabilmente sì. I tanti conflitti armati nel mondo da soli evidentemente non bastano ai fabbricanti americani di cannoni. L’orrore può proseguire, Erode può dormire sonni tranquilli.

📆 Save the date

Si terrà giovedì, 2 giugno, alle ore 21.00 su IG la quarta diretta del gruppo di lettura 🕰 Proust ritrovato; nel corso della serata Maresa e Gerardo discuteranno la seconda parte de All’ombra delle fanciulle in fiore di Marcel Proust.

✍️ Qui sul blog

Qui sul blog vi abbiamo proposto:

clicca qui per leggere il post

📷 Su Instagram

Sul nostro canale Maresa ha pubblicato un post dedicato ad un’opera di Maria Bellonci che potete leggere cliccando la foto qui accanto.

📚 Curiosità dall’internet

Come sempre ecco alcuni articoli che hanno attirato la nostra attenzione:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...