lettura, Nulla (citazioni), Pazzi (citazioni), Roberto Pazzi, tempo (citazioni), vita (citazioni)

La poesia del giorno – 22 maggio 2019

9788878996014_0_500_0_75

Il mio niente

 

Oggi verrei a casa tua,

farei questo lungo viaggio

solo per infilare questi versi

nella fessura sotto la porta,

non potrei rompere

il divieto di rivederci.

Niente, vorrei dirti,

solo questo niente.

Fu detto già tutto.

Da quando ci siamo separati

sopravviviamo,

siamo la rovina di quel tempo.

Ma questo mio niente dopo di te

mi sostiene e si rafforza,

cresce bene con gli anni,

si fa grande, muta la voce,

non vuole più stare con me,

esce sempre più spesso

a cercare altro niente,

inutilmente bello come fui.

I nostri occhi han fissato il sole,

non guardano più,

ricordano di aver visto.

A che servirebbe rivederti ?

Perderei il mio niente.

Di tutte le cose che potevo fare

ho sempre scelto una sola,

monco di troppe vite non fatte

tu sei il Niente che mi ha scelto.

E ti appartengo sempre.

 

Roberto Pazzi, Felicità di perdersi

 

1 pensiero su “La poesia del giorno – 22 maggio 2019”

  1. Una poesia che vale molto fin dai primi versi, mi prende subito e mi coinvolge nelle metafore del niente. Una relazione finita che lascia dei vuoti nei quali la vita assume nuovi significati. Ho apprezzato R.Pazzi come scrittore visionario di romanzi e come entusiasmante narratore, e lo scopro poeta molto ispirato.
    Grazie per la graditissima proposta di lettura.
    Francesco

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...